| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Buried in cloud files? We can help with Spring cleaning!

    Whether you use Dropbox, Drive, G-Suite, OneDrive, Gmail, Slack, Notion, or all of the above, Dokkio will organize your files for you. Try Dokkio (from the makers of PBworks) for free today.

  • Dokkio (from the makers of PBworks) was #2 on Product Hunt! Check out what people are saying by clicking here.

View
 

1796

Page history last edited by PBworks 13 years, 3 months ago

Profilo Facebook di Renato de Paoli

TRACE LETERE ARTE

 

ISOLE SPAMPINE' REPVBLICA VENEXA DA MAR

 

SETE AVE MARI A DRENTO I LIDI DEL BOSCO SACRO ISOLE VENEXIA PALO AVI (ENDOLAGUNA)

Civilta' acua aleata - Insubria - PATRIARCATO DE AQUILEIA -- Isole Sparse - Spampine' - Risaia santa casa pietà a Sparè - Fond. Museo Biblioteca Scrittrice Rosa Lanza Ferrarini Bertelè ved De Paoli Museo Biblioteca Paolo Bertin Via Bruso S. Gregorio (Cucà) Veronella Tel fax 0444 323071 http://depaoli.pbwiki.com www.artedepaolironchin.org

www.vicenzafoto.it e.mail depaolirenato@gmail.com casella postale 189 , 36100 Vicenza Centrale Italia C.F. 95035170240 PIVA 013186340240 - CCIIAA VICENZA EDAR 26 09 1996 IRAEA 228975 15 o6 1994 codice PROT 0700040595 12/18 ISTITUTO REGIONALE ISOLE SPARSE PALEOALVEI TION TARTARO MENAGO ARGINE ALPON GUA' EDRON "CIVILTA' ACUA" RICERCA SCIENTIFICA STORICA ARCHEOLOGICA DEMOETNOANTROPOLOGICA - in convenzione con Associazioni, Comuni, Regione, Stati.

c/o Asso. A.R. - Direttore Responsabile Renato De Paoli

© Re nato da sparè to Vicenza poeta scritor zercador Veneto spaerso isole paleoalvei Timavo Isonzo Stella Livenza Piave Brenta Bacchiglion Retron, Dugal, Tregnon, Menago, Sanoa, Piganzo, Lavegno , Tion , Tron, Molinella, Tre ven zo, Core zo, Mincio CESE, OIO, ADA, Secia, Panaro, RENO, Po Tartaro Adige Alpon Guà Frassine Bisato Naviglio 2005-04-23


SOMMARIO Show all pages

SCHIZA SU STO STRAMBORO PAR CATAR ALTRE PAGINE

http://depaoli.pbwiki.com/AllPages


1796 / 1797 ESTENSIONE REPUBLICA VENETA CARTA GEOGRAFICA

SChIZA SU STO STRAMBOTO

http://www.spazioforum.net/forum/index.php?s=4574b123e7099cf52545dcc626ba7964&showtopic=26826

 

VVVVV

1796 FIN DOVE RIVAVA LA REPUBLICA VENEXIA E LE ISOLE SPAMPINE'

http://it.wikipedia.org/wiki/Stato_da_M%C3%A0r


VVVVVVVVV

1796 FLOTTE MEDITERRANEO PRIMA DELLA CADUTA DELLA REPVBBLICA VENEXIA (COLLOCAZIONE E RUOLO FLOTTA REPUBBLICA VENEXIA)

http://books.google.it/books?id=C_2nxoM3g2wC&pg=PA174&lpg=PA174&dq=1796+FLOTTE+MEDITERRANEO&source=web&ots=eRyER5gL72&sig=EvFk5JuNOV7rq1nlcBkpaftylIg&hl=it&sa=X&oi=book_result&resnum=2&ct=result#PPA173,M1

VVVVVVVVV

FLOTTE NEL MEDITERANEO INGLESE SPAGOLA FRANCESE (E OVVIAMENTE VENETA)1796 1797

http://it.wikipedia.org/wiki/Battaglia_di_Capo_San_Vincenzo_(1797)

vvvvvv

Napoleone comprese che, nell’instabile situazione della Francia, l’esercito poteva divenire il perno della vita politica. Ufficiale di artiglieria durante la Rivoluzione, dal 1795 lega la sua fortuna a quella di Barras, la cui fiducia, assieme alla protezione di Giuseppina Beauharnais (da lui sposata nel 1796), gli fanno ottenere prima il comando dell’esercito interno, e l'esercito per aggredire l'Austria dal fonte sud, così Napoleone quando entra in Milano, e il Ducato di Milan organizza in na nova republica fantoccio cimà Traspadana.

vvvvvvvvvv

 

1796 I SE SPOSA, NAPOLEONE E GIUSEPINA MA LU NO GA GNENTE AL MONDO, E LE PIENA DE DEBITI

 

GIUSEPPINA,IN BONAPARTE dita BEPA (in VENETO)

http://www.youtube.com/watch?v=SrYHpGyMyQE&feature=related

 

APOLOGIA A NAPOLEONE BONAPARTE CON RIGOROSA OMISION DE LA RAPINA VENETA

http://www.youtube.com/watch?v=qfiVhnyzSEI

 

1796 APRILE CHERASCO guarda i filmati , schiza el boton chi soto

http://www.youtube.com/watch?v=9yV6K2vAVGA - rievocazion 2008 http://www.youtube.com/watch?v=XORWngfCIoo&feature=related

 

fine magio 1796 I AUSTRIACI RINCULA SU PESCHIERA E MANTOVA I FRANCESI I VIOLA LA NEUTRALITA' DE LA REPUBLICA VENETIA INDIPENDENTE DA QUATORDESE SECOLI

http://www.youtube.com/watch?v=C5iE4TDBADQ

 

vvvvvvvvv

 

NEUTRALITA’ DISARMATA - NON BELLIGERANZA REPUBBLICA VENETA 1796/ 1797

RICADA PER SEMPRE L'INFAMIA SUI CONTRAENTI DEL CONGRESSO DI VIENNA E LORO EREDI PER L'ETERNITA' DOVE SI VIOLARONO TUTTI I DIRITTI DEI POPOLI E DELLE SVRANITA' MA IN PARTICOLAR MODO SI VIOLARONO I DIRITTI DELLA REPUBBLICA DI GENOVA, LO STATO CORSO, LA REPUBLICA NEUTRALE VENEXIA.

 

L’esercito regolare della Repubblica Veneta

 

(di venticinquemILa uomini, compresi diecimILa mILiziani),

 

unito con le masse popolari (cenide) fedeli alla Serenissima erano un pericolo niente affatto trascurabILe (PER I FRANCESI NDR).”4 12 COSITA PIERO DAL NEGRO.

Ma la Forza della Republica Federata Venexia Da mar era il saper stare sull'acua, dolce o salata che fosse.

 

Senza calcolar ancora la MARINA VENEXIA che solo nel porto e ne l’arsenal (pegola) gavea 40 nave da guera de tuto pronte e equipagiè , senza contar i rinforzi che gavea ne le Isole Spampinè dal Mincio, Tion al Menago a l'Adese, Frata,Guà, Edron e tuta la gente chele altre navi ne le isole Venete dela costa de l’Istria de isole Dalmate - Adriatiche - ioniche anca ne le munitisime forteze dele isole : da Corfù a Cerigo , da, Zante a, Cefalonia , Santa Maura , ad altre dipendenti , come Butrino,Larta, Vonizza, etc..

lsole inespugnabiLi , in doe g’hera

un armamento piasè meio , e piasè roba di quel de Venezia, oltre a richeze infinie,

che là i’era al riparo e pronte par tacar.

 

LA MARINA ALA REPVBLICA VENEXIA ISOLE SPAMPINE' GRANDA EDOLAGUNA. (NA MARINA TANTO TEMUA' VANTO DE LA REPUBLICA VENEXIA. (LA ZAXA DEI INGLESI par levarse de torno na marina che ghe dasea tanto fastidio)

 

A VENEZIA GH’ERA EL MEIO DELA MARINA mILitar de la Repubblica VENETA, ancora’ A L’ARSENAL DE VENEZIA E L’ERA forte dE

 

per un totale di 184 nave da guerra.

 

- 10 navi di linea da 70 cannoni

- 11 navi di linea da 66 cannoni

- 1 navi di linea da 55 cannoni

- 13 fregate da 42 e 44 cannoni

- 2 fregate da 32 cannoni

- 3 brick da 10 cannoni

- 2 cotter da 10 cannoni

- 1 goletta da 16 cannoni

- 1 bombarda da 5 cannoni

- 16 cannoniere con un pezzo da 40 e 4 da 6

- 31 obusiere con 2 obici da 40 e 4 pezzi da 6

- 10 galleggianti con 2 cannoni da 30

- 1 batteria galleggiante con 7 pezzi da 50 sul perno

- 40 passi armati con un pezzo da 20 e 4 da 6

- 23 galere

- 7 galeotte da 30 a 40 remi

- 7 sciambecchi

- 5 feluche

 

 

(ZORZI SCRIVE GAVENE, galere, sciambecchi, galeotte e feluche e Altre 168 tra barche, cannoniere, obusiere, passi galleggianti, bragozzi e piedighi, per un totale di ben 205 imbarcazioni da difesa5 ).

 

Da le vece sale d'armi de l'Arsenal GAVENE armi sufficienti per 20.000 uomini.

Dalle nuove sale d'armi GAVENE, fusii, archibugi, pistole, con relativo munizionamento, ed armi bianche sufficienti per armare 30.000 uomini.

NEL Reparto d'Artiglieria GAVENE

5.293 bocche da fuoco, delle quali 2.518 in bronzo ed EL rimanente in ferro. Altre migliaia di bocche da fuoco furono asportate in tutta la Repubblica, da ogni fortezza, castello e città (si pensi che nella sola laguna di Venezia erano operativi altri

750 pezzi d'artiglieria, tra colombine,cannoni,falconetti,petriere ed, obusiere

 

Dal Parco delle Bombarde ( detto EL Giardin di Ferro) fu asportata

l'intera raccolta di munizionamento per l'artiglieria.

IN ARSENAL GH’ERA

pecE,sevo,fanai,cavi,sartiami,vele,telame,feramenta,legno frasino e fagio,ciodi,remi, ancore, cadene par sarar i porti, stopa, bale de canapa, carbon, strumenti nautici,rafineria e magazini salnitro,fonderia piombo, paranchi, oficina di falegnameria, modei navai (molti oggi al Musée de Marine di Parigi), oltre a sartiami, alberi, penoni, canoni e proietiLi per alestire ed armare 12 navi da 74 cannoni. C’ERANO gli enormi calderoni per l'ebollizione della pece. GH’ERA La cassaforte dell'Arsenale .

 

I FRANCESE VEN DRENTO DA LE ALPI 1796

 

EVOLUZION POLITICO DIPLOMATICA MILITAR REPUBLICA VENEXIA - ISOLE SPAMPINE’ da l'endolaguan ala Dalmazia - PARIGI - Mosca - Londra - Madrid - Impero Turco - Viena -

 

 

1795 ven concluso l'acordo fra Caterina II Zarina de Rusia e I'Asburgo par portarse via la prima Costantinopoli, I secondi lo sboco a l'Adriatico.

 

GENAR 1796

IN FRANCIA IN SEGUITO ALA FAMOSA RIVOLUZION FRANCESE CHE GA TAIA’ LA TESTA LA RE , COMANDA EL DIRETTORIO 1796

 

Nel 1796 Napoleone Buonaparte, neo general de vintisieani l’ in via’ farse nominar comandante dell'Armata d'Italia grazie ai intrighi de Giusepina

 

SITUAZIONE POLITICA ISTITUZIONAL PENISOLA ITALICA 1796

REGNO DE LE DO SICILIE CON CAPITAL NAPOLI, COMANDA’ DAI BORBONI.

STATO DELA CESA CON LE LEGAZION PONTIFICE DE BOLOGNA FERARA MODENA COMANDE’ DAL PAPA.

EL DUCATO DE TOSCANA COMANDA’ DA UN BORBONE,

EL DUCATO DE MILAN TEGNUO DAI ASBURGO - AUSTRIACI

EL DUCATO DE PIACENZA,

EL DUCATO DE PARMA.

REPUBLICA DE GENOA,E

REPUBLICA VENETA.

EL DUCATO DE MANTOA TEGNUO DAI AUSTRIACI

NELA REPUBLICA VENETA GHE NA COMPLESA SITUAZIONE PAR VIA DEI PASAI SU L’ACUA

CORRERIE AUSTRIACHE (DIRITTO DI PASSAGGIO) TRUPPE AUSTRIACHE CON BASE A MANTOVA SAN GIORGIO

 

FEBRAR 1796

 

MARZO 1796

 

Nel marzo del 1796 il Direttorio nominò il generale Napoleone Bonaparte comandante in capo delle truppe francesi destinè al fronte delle Alpi per raggiungere Vienna distruggendo gli Stali del Nord in Val Padana.

 

2 marzo 1796 (12 ventoso anno IV de la rivoluzion francese )

EL general Bonaparte l’ è sta nomina’ dal diretorio ala testa de l’armata d’Italia tolendoghe el posto aL generale franncese Scherer che gh’e toca’ dar le dimision.

(I’e’ i’ntrighi e i boni ufizi de la so promesa sposa Buarnais a farghe ciapar sto incarico importante che tuti i volea. In cambio Bonaparte e la sposa Josephine. La Josephine lo iscrive anche ala masoneria) EL 26 (germinal)

Bonaparte a riva al quartier general de Nizza par metarse al Comando de l’armata. Prima de scondon el sa sposà con Josephine Bouarnais vedova de un ex generale , e ex amante de Barras..

L’ordine del Direttorio francese al comandante de l’armata l’era de rivar a Viena par la via del Po tra le alpi e i apenini.

 

 

 

 

APRILE 1796

 

nel 1796 Napoleone entrò in Lombardia dove sorse la

Repubblica Transpadana.

Sul finire dell’estate scoppierà a Reggio l'insurrezione contro gli austriaci (che la tenvano n.d.r.) e a ottobre un congresso tra i rappresentanti dei legati pontifici (Bologna, Ferrara, Modena e Reggio) dette vita alla Federazione, poi Repubblica, Cispadana, che unendosi a quella Transpadana formò la Repubblica Cisalpina.

 

10 aprile 1796 CONFEDERAZIONE CISPADANA INVENTA A MILAN NAPOLEON

SCHIZA SU STO STRAMBOTO

http://zappedia.com/dettagli/Repubblica%20Cispadana

schiza su sto strambo par vedar la bandiera inventà dala confederazione Cispadana fata dai Francesi.

http://images.google.it/images?hl=it&q=confederazione+cispadana&gbv=2&safe=active

 

1796: invasione dei Francesi: Napoleone arriva a Modena

A palazzo Rangoni si riuniscono i delegati della confederazione Cispadana

 

A Milano nel 1796, allorché vennero formate sia la Guardia Nazionale Milanese, sia la Legione lombarda viene adottata la bandiera tricolore e la Repubblica Cispadana, è il primo Stato fantoccio che adottò A Milano e in Emilia il Tricolore. Sei mesi dopo (era il 18 luglio), allorché Napoleone diede il suo consenso all'unificazione del Milanese con l'Emilia Romagna, avvenne la fusione delle Repubbliche Transpadana e Cispadana in un solo Stato: la Repubblica Cisalpina, con un Parlamento, un esercito di ben 25.000 uomini, con capitale Milano e con bandiera il Tricolore, sostanzialmente eguale a quello della Repubblica Cispadana.

 

 

 

Dal 18 al 28 APRIL 1796

Bonaparte el pasa le Alpi el piega le forze dEL Re Savoiardo CARLO - EMANUELE IV (1751 Ω 1819) incantonandolo e obligandoloi a firmar l’armistizio ciamà de Cherasco el giorno 28 APRIL 1796 ( 9 floreal anno IV)

 

Il 26 aprile del 1797 si riunirono a Bologna i Consigli del Corpo Legislativo della Repubblica Cispadana per eleggerne i Direttori.

 

 

 

MAGIO 1796

 

EL 7 e EL 10 magio 1796

i soldè francesi se mete a corarghe drio de austriaci che ten el ducato de Milan I Austriaci i ven batui e a Piacenza e a Lodi e cosita i francesi gà la strada spianà par MiLan.

 

Con la vittoria di Napoleone nella battaglia di Lodi il 10 maggio 1796, le truppe francesi occuparono i territori sotto il dominio austriaco: il Ducato di Milano, Ducato di Mantova, i territori del Ducato di Modena e Reggio e quelli facenti parte dello Stato della Chiesa, Bologna e Ferrara.

 

 

 

el 15 maggio 1796 el direttorio de Parigi ratifica el tratato de Cherasco, e la Francia ala fin fine se incamara grosomodo el piemonte che conosemo al giorno de ancò. (26 Floreal anno IV) EL Re savoiardo che l’a perso ga da metarse soto la francia e el se ritira in Sardegna.

 

 

 

 

Nase el tricolor simbolo dei Francesi Giacobini, insieme coi Asburgo, i legati pontifici, i Borboni, i Inglesi, e Mosca. Simbolo che dopo el 12 magio 1797 rendarà i veneti schiavi de tute le nazion desora scrite.

 

Il tricolore adottato nel simbolo dei combattenti italioti della Legione Lombarda (esclusa bergamo e Brescia) e quella italica, con l’autorizzazione di Napoleone.

 

schiza chi sora su sto stramboto

http://www.tricolore.it/storia.htm

 

Napoleone Bonaparte,

il 19 maggio 1797 ebbe la Romagna ottenuta con la capitolazione firmata a Bologna , fu così che Napoleone e Francesi unirono la Repubblica Cispadana staccando Modena, Reggio Emilia, Massa e Carrara per aggregarli alla Repubblica Transpadana.

 

19 magio 1796 Tratato de Sant’Idelfonso.

GRAZIE AL TRATTATO DI SANT'IDELFONSO ( LA SPAGNA ABBANDONA L'INGHILTERRA E PASSA NEL CAMPO FRANCESE) NE L' ISTA' 1796 E I TRADIMENTI E LE CONGIURE TRA SEGRETERIE DI STATO EUROPEE SONO ALL’ORDINE DEL GIORNO, IL SEGRETO DELLE ISOLE INVITTE ISOLE SPARSE ERA TRAPELATO NELLE CAPITALI EUROPEE.

LA PARTITA ERA ED E' GROSSA: L'ENDOLAGUNA E IL DOMINIO INCONTRASTATO DELLE ROTTE ADRIATICO MEDITERRANEE E IL CONTROLLO DELL'ENDOLAGUNA OVVERO IL SUO PROSCIUGAMENTO PER ELIMINARE LA PALESTRA NAVALE DEI VENETI CIO' A FAVORE DELLE SUPERPOTENZENZE MARINARE DEL SECOLO XVIII E XIX . INCONTRASTATE QUELLE VENETE ( le navi Venete attraccate a Costantinopoli da sole superavano DI NUMERO tutte le altre di diversa nazionalità messe insieme; Nicolò Foscolo SPATIS - in arte Ugò, poeta Veneto - GRECO narra che le navi inglesi nell'Isola Zacinto, anch'essa Veneta fino al 1797, pagavano gabella, prima che, anche Lui dovesse fugire e finire I SUOI GIORNI, ironia della sorte esule a Londra come Pasquale De Paoli).

IL TRATTATO FRANCO - SPAGNOLO DI SAN ILDENFONSO (19 MAGGIO 1796) SANCISCE L'ALLEANZA SPAGNOLA CON LA FRANCIA RIVOLUZIONARIA , (SPAGNA PRIMA NAZIONE CHE RICONOSCE IL DIRETTORIO PARIGINO FRANCESE RIVOLUZIONARIO E SE NE ALLEA ) UNENDO LE DUE FLOTTE A TOLONE. IL TRATTATO AVEVA INFRANTO OGNI ILLUSIONE PER LA CAUSA DELLA REPUBBLICA CORSA, DI UN ITERVENTO BRITANNICO A FAVORE DELLE REPUBBLICA DI GENOVA E LA REPUBBLICA DI VENEZIA E DI QUELLA CORSA.

GLI INGLESI RITIRANO LA FLOTTA DAL TIRRENO E MAR LIGURE E ABBANDONANO LA CORSICA ALLA FRANCIA DEL DIRETTORIO PARIGINO.

DE PAOLI DOVETTE EVAQUARLA OBBEDENDO ALL'INVITO DEL GOVERNO INGLESE DI TORNARE A LONDRA NEL 1796

Lo scacchiere Mediterraneo (mare interno o oceano in antichita’) CHE E' SOLCATO PER BUONA PARTE DALLE NAVI DELLA REPUBLICA VENETA NEUTRALE.

 

 

Il 19 MAGGIO del 1796 mentre Napoleone aveva conquistato Il Piemonte, il ducato di Milano, le Legazioni Pontificie (Modena, Bologna, Ferrara, Ancona), la Toscana; la Spagna BORBONICA capovolge la sua alleanza e lascia la colalizione anti francese guidata dall’inghilterra e vi si mette contro alleandosi con la Francia.

 

Venne firmato il (primo o secondo? poco importa ) trattato di San Idelfonso .(COPERTO DAL SEGRETO E DALLA CENSURA : A TUTT'OGGI LE FONTI SCARSEGGIANO)

Doppio gioco della Spagna. lasciò gli inglesi nel mediterraneo. anzi li supplico’ di rimanere.MA ANCHE A ROMA A SETTEMBRE 1796 LO STATO DELLA CHIESA !SI ALLEERA' ALL'AUSTRIA ASBURGICA - E SI TROVERA' ALLEATA ALLA SPAGNA CHE STA COI FRANCESI E ALL'AUSTRIA CHE CONDUCE LA GUERRA AI FRANCESI. DAL MARE E DAGLI OCEANI L'INGHILTERRA TEME SOLO LE REPUBLICHE MARINARE E IN PARTICOLARE LA NEUTRALE VENEXIA. NAPOLEONE BURATTINO INGLESE? A GUARDAR BENE SI. DISTRUGGE LA NEUTRALE REPUBLICA VENETA , INFANGA PERPETUAMENTE LA FRANCIA, INFANGA PERPETUAMENTE I'ASBURGO, MA INFANGA PERPETUAMENTE ANCHE L'INGHILTERRA. IL PRINCIPIO DI LEGITTIMITA' DAL 1796 - 1797 NON VIGE PIU' PER QUESTE CAPITALI E PER QUESTE CORONE, (LO DICE CANDIDAMENTE LA CAMBRIDGE). MENTRE LA REPUBLICA VENETIA A DISTANZA DI DUECENTODODICI ANNI PUO' PARLARE DI POLITICA, DI MORALE E DI LEGITTIMITA, POICHE' ESSA SI E' IMMOLATA PER SALVARE QUESTI PRICIPI. LA REPUBLICA VENETA DA MAR ERA ED E' FUORI DA QUESTI INTRIGHI. MA OGGI ANNO DI IAVE' 2008 LE CORONE SANNO CHE ILO POPOLO VENEXO HA SOLO AMMAINATO LA BANDIERA MA IL SANGUE DELLE STIRPI MILLENARIE OSSERVA E LE VIGLIACCHERIE E L'ONTA CHE RICADE SULLE MAGGIORI CAPITALI E CORONE EUROPEE.

Gli Inglesi avevano abbandonato la corsica e l’isola d’Elba.

 

Madrid fece seguire, addirittura, il primo trattato di Sant’Idelfonso del 19 MAGGIO 1796, che inaugurò una inedita alleanza militare, che costrinse il regno ad una sfortunata campagna contro la potente Inghilterra, segnata dal disastro di Cabo San Vicente. Tornato al potere nel 1798, Godoy riprese l’alleanza con la Francia, che portò al disastro di Trafalgar e, soprattutto, consentì l’ingresso in Spagna di circa 65'000 soldati francesi.

 

Coi (due tre) patti di San Ildefonso (1796 e 1800) la Spagna si legò mani e piedi alla Francia , nel senso che fu costretta a dichiarare guerra all'Inghilterra.Non impedì , tuttavia , che la Spagna lasciasse l’Inghilterra nel Mediterraneo o mar Interno, all’insaputa della Francia del direttorio e di Napoleone.

La dichiarazione di guerra della Spagna alla Gran Bretagna ed al Portogallo nell'ottobre 1796, in seguito al Trattato di San Ildefonso1 con la Francia, rese la posizione inglese nel Mediterraneo indifendibile. La flotta combinata franco-spagnola di trentotto vascelli di linea superava assai di numero quella britannica del Mediterraneo di soli quindici vascelli di linea, costringendo gli inglesi ad evacuare le loro posizioni prima in Corsica e poi sull'Isola d'Elba.

 

 

3O MAGGIO 1796

DAL BORGHETTO , SUL MINCIO (BS), PARTE L’OFFESIVA VERSO MANTOVA, TENUTA DAGLI ASBURGO, IN RITIRATA.

Ma a difender EL guado sul Mincio GH’era MIA L’ESERCITO DE LA REPUBLICA VENTA PARCHE’ NAZION NEUTRALE (COME LA SVIZERA PAR INTENDARSE O SAN MARINO)

 

BORGHETO SUL MINCIO

SCHIZA SU STO STRAMBOTO

http://www.youtube.com/watch?v=k_0e99lPEfU&feature=related

 

IN QUANTO NAZION NEUTRALE, I FRANCESI CATA SOLO l'esercito asburgico e, come testimonia Ignazio Menin, anche quello dei Napoletani (REGNO DE LE DO SICILIE TEGNUE DAI BORBONI) “ che

"..avendo fatta la pace con la Francia (TRATATO DE SANT’IDELFONSO 19 MAGGIO 1796 N.D.R.) andarono alla loro Patria, e qui per San Zenon DE MINERBE ne passarono cinquecento circa..6 "

EL provveditor veneto della città di Verona Nicolò Foscarini L’è PARTIO SUBITO subito pAr Peschiera ma EL Bonaparte lo RICEVUO SENZA DIGNITA’. SECONDO EL GENERTAL BONAPARTE la neutralità DELA REPUBLICA VEMETA era sta rota dai Asburgo che I SAVEA ritirà COI SOLDE’ SCAPE’ DAL DUCATO DE MILAN OLTRE LE LINEE DELA REPUBLICA VENETA. BONAPARTE LA MESO SUL PIATO EL PRETESTO CHE sia EL pretendente al trono francese, fratello ed erede di Luigi XVI, profugo DALLA FRANCIA REGICIDA, E OSPITA’ A VERONA no L’era stato ospita, a so dir, con i dovui onori. ANCA SE LA REPUBLICA VENETA L’ERA INVASA EL doge Ludovico Manin non sA MAI MESO IN ALARME, no L’A DATO ORDINE EI SCIAVONI IN VERONA , ROCCAFORTE MILITAR DE REAGIR.

LA REPUBLICA VENETA CONTAVA DA PARTE DE LE NAZION DE PAROLA, nel rispeto de le norme internazionali, CHE NO GH’E STA. NE DE LA FRANCIA, NE’ DE L’AUSTRIA - ASBURGO, NE’ DELA SPAGNA- BORBONI,- NE’ DE L’INGHILTERRA E che la sO neutralità disarmata SECONDO LE NORME INTERNAZIONALI L’avARIA E DEVE ANCO’ PAR ALORA dovù , E DEVE salva la Repubblica VENETA.

 

 

 

31 MAGGIO 1796

 

 

1 GIUGNO 1796

LE TRUPE FRANCESI VIOLANO I SACRI CONFINI DELLA PATRIA VENETA -REPUBLICA VENETA INDIPENDENTE SOVRANA NEUTRALE -. PASANDO LA LINEA DEL MINCIO CHE EL SEGNAVA EL CONFIN COL DUCATO DE MANTOA E EL BRESIAN .

I FRANCESI VEGNUI AVANTI DOPO ESAR PARTII DAL BORGHETO E INVEZE DE N’DAR CIAPAR MANTOA , INDOE SA MESO IN DIFESA ISOLDE’ ASBURGICI A-USTRIACI LE TRUPE FENACESI LE CIAPA LA DIREZION DE VERONA .

 

EL 1 giugno 1796,

 

Come I FRANCESI AVEA promeso al proveditor Foscarini, Napoleone Bonaparte con dodESEMILA soldà francesi VEN DRENTO VERONA CON TUTI I ONORI , senza TIRAR NA SCIOPETA’.

Le trupe dE Bonaparte VEN drento LE MURA DE VERONA par la prima olta.

GIUGNO 1796 DA SAN ZENON IGNAZIO MENIN

 

1 GIUGNO 1796

NEL PRIMO GIORNO ADUNQUE DI GIUGNO , GIORNO MEMORANDO PER LE SUE CONSEGUENZE, ALLE ORE 14 CAPITO' (IN VERONA N.D.R.) QUESTO SUPERBO GENERALISSIMO COL SEGUITO DEL SUO ESERCITO.

MOLTI TEMERARI CURIOSI ERANO SPETTATORI SULLE MURE ALLA PORTA DI SAN ZEN, PER IL CHE IL GEN.MO BONAPARTE DIMANDO' AL GENERALE (VENETO N.D.R. ) SALIMBENI, C'ERA ANDATO AD INCONTRARLO ALLA PORTA , COSA FACEVA COLA' TANTE GENTI, AL CHE RISPOSE CHE VI SONO PER UN SOLO TRATTO DI CURIOSITA' ED ALLORA TACQUE.

ENTRO' ADUNQUE QUESTO GENERALISSIMO IN CITTA' COL SEGUITO SOLTANTO DI TRE MILLE UOMINI, E GLI ALTRI PER LA MAGIOR PARTE PIANTARONO CAMPO NELLA BASSA FUORI SUBITO DELLA PORTA NUOVA, E PARTE ALL'ALTRE PORTE.(NELL'INCONTRARSI CHE FECERO FRA IL GEN.MO BONAPARTE , ED IL GENERAL SALIMBENI DICESI CHE SI ABBIANO DATO UN BACCIO.

I GRADUATI SI DISTRIBUIRONO PER LE CASE DEI NOBILI IN PRIMO LUOGO, MA NE ANDARONO ANCHE IN ALTRE FAMIGLIE NON NOBILI, PERCHE' NE N'ERANO IN GRANDE QUANTITA',( OGNI CENTO, E VENTI SOLDATI AVEVANO VENTI GRADUATI, E CIO' SERVIVA DI GRANDE CORAGGIO A QUELLI CHE AVEVANO UN POCO DI TALENTO, PERCHE' FACILMENTE SCENDEVANO. SI STUPIVANO I VERONESI, NON POTENDO CONOSCERE E: G: IL SARGENTE DAL MAGGIORE, IL CAPITANO DAL GENERALE, PERCHE' TUTTI UGUALMENTE ERANO LACERI, MA POCO DOPO COL SANGUE DEL VENETO TRADITO DOMINIO SI VESTIRONO SUPERBAMENTE, E SECONDO IL GRADO CON MAGNIFICI DISTINTIVI D'ORO SI DISTINGUEVANO L'UN L'ALTRO OTTIMAMENTE) COMANDANDO A PIACIMENTO PER L'APPARTAMENTO, E BIANCHERIA, E MILLE ALTRI COMODI ANCORA VOLENDO, SECONDO CHE LORO FACEVA DI BISOGNO, CON GRANDISSIMO, E DISPENDIOSO INCOMODO DELLA FAMIGLIA. IL GENERAL.MO BONAPARTE ANDO' NEL PALAZZO DEL CONTE MIGLIO ALLA PIGNA, DOVENDO POCHI GIORNI DOPO ESSO CONTE CON TUTTA LA SUA FAMIGLIA ANDAR IN CAMPAGNA PER IL GRANDE SEGUITO COLA' INTRODOTTOSI.(1) ( VEDUTO AVENDO IL POPOLO , CHE IMMEDIATAMENTE SENZA DIMANDAR AD ALCUNO VA QUESTO GENERAL.MO A SMONTAR IN TALE PALAZZO, COSI' A COMMUN VOCE QUESTI DUE FRATELLI CONTI MIGLI VENIVANO TACCIATI A TORTO DI GIACOBINI, MENTRE IN FATTO DI VERITA' NON LO ERANO. COL PROGRESSO DEL TEMPO FURONO SCOPERTI TUTTI I GIACOBINI, NE PIU' IL POPOLO IN TAL AFFARE PRESE ERRORE.LE DONNE DI OGNI QUALITA' STAVANO RITIRATE NON GIA' REALMENTE PER VERO TIMORE, MA BENSI' COME VEDREMMO, PER UN TRATTO D'IPOCRISIA PER DARLA AD INTENDERE CON PIU' FACILITA' LE MARITATE AI MARITI, E LE FANCIULLE AI GENITORI. CHIUSE STETTERO PER VARI GIORNI LE CHIESE, E SOLO CERTE PARROCHHIE CON LA PIU' PICCIOLA CAMPANA DAVANO UN PICCIOLO SEGNO; INTRODUCENDO I DIVOTI PER LE PORTE PIU' SECRETE.

NON PIU' I MERCATI FACEVANO POMPA DEI LORO GENERI DI GRANDE VALORE; NON PIU' GLI OREFICI DELLE LORO BELLE , E RICCHE MANIFATURE; NON PIU' I GIOIELLIERI DELLE LORO RICCHEZZE; MA TUTTO SPIRAVA POVERTA' E TRISTEZZA.

LE MERETRICI DAI LORO PUBBLICI SOZZI DESTINATI POSTRIBOLI DOVETTERO FUGGIRE PER LA GRANDE QUANTITA' DI SOLDATI FAMELICI CARNALI, CHE COLA' IN FLOTTA ACCORRVANO A SAZIARE LE LORO SORDIDE BRAME, NON POTENDO ESSE RESISTERE A TANTA FATICA, E LAVORO, E POI ANCHE PERCHE' POCHI PAGAVANO, FACENDO INVECE MILLE ALTRE INSOLENZE, E BRICCONERIE. NEI PRIMI GIORNI (DI GIUGNO 1796 N.D.R.) CERTI SERVITORI, PARRUCCHIERI, ED ALTRI ARTIGIANI, ENTUSIASMATI PROBABILMENTE DAI PERFIDI GIACOBINI, ANDAVANO INSIEME CON I FRANCESI CANTANDO VIVA LA LIBERTA'; MA POCO DURO' LORO QUESTO DIVERTIMENTO, POICHE' DI NOTTE FURONO LEGATI, E MANDATI SUBITO INCATENATI A VENEZIA PER BARCA. IN UNA SOLA VOLTA NE SONO STATI SPEDITI VENTI, E POI'NSEGUITO DEGLI ALTRI, DAL CHE IN PRIVATO CONVENIVA TRATTAR PER FORZA, PERC'ERANO IN CASA. (2) POCHI MESI AVANTI , CHE ARRIVASSERO I FRANCESI 'NQUESTA CITTA' ALCUNI VASCHETTI, CERTI FORSE INAVERTENTEMENTE PER UN SOLO TRATTO DI NOVITA' E CERTI POI PERCHE' GIACOBINI AVEVANO ESPOSTO SOPRA LE VELLADE I BOTTONI CON L'ALBERO DELLA LIBERTA'; MA IL PODESTA' LI FECE RICHIAMAR TUTTI, E DISSE LORO, CHE SE PIU' FARANNO USO DI TALI BOTTONI LI MANDERA' INCAPUZZATI A VENEZIA, PER IL QUAL SALUTO PRONTAMENTE UBBIDIRONO.

PRIMO PENSIERE DEI FRANCESI FU DI CIRCONDARE MANTOVA, E SUBITO INCOMINCIARONO SUL PRINCIPIAR DELLA NOTTE A BOMBARDARLA, E RIUSCI' LORO DOPO POCHISSIME BOMBE DI ACCENDERE IL CONVENTO DELLE CANTELME.

SUBITO CON TUTTO L'IMPEGNO ACCORSERO I MANTOVANI AD AMMORZARE TAL FUOCO, E A TRASPORTARE ALTROVE LE MONACHE , CHE RENITENTI VOLEVANO STARE COLA', ESSENDOSI FORMATO INCENDIO CONSIDERABILE, PERCHE' SI ACCESERO VARI LEGNARI. I FRANCESI ADUNQUE SENZA PERDERE PUNTO TEMPO, INCORAGGIATI DAL VEDER IN CITTA' TAL INCENDIO DIEDERO SUBITO UN FORTE ASSALTO AL LUOGO PIU' DEBOLE, CIOE' AL MIGLIORETTO SULLA SINISTRA DI PORTA CIRESA, MA ESSENDO TAL LUOGO ASSAI BEN DIFESO, COSI' PER TRE VOLTE A FORZA DI MITRAGLIA, E DI BAIONETTA IN CANNA FURONO RESPINTI, RESTANDONE MORTI, SENZA ESAGERARE DIECI-MILLE, E TRE-MILLE FERITI MENTRE AL CONTRARIO DI TEDESCHI, PERCHE' RIPARATI DALLE MURA, NON NE PERIRONO NEPPURE CENTO. IL FORTE DI SAN GIORGIO FU LASCITAO IN TOTALE ABBANDON PER DUE RAGIONI, LA PRIMA, E LA PRINCIPALE DELLE QUALI PERCHE' ERA SCARSA LA GUERNIGIONE, NON ARRIVANDO APPENA AL N° DI DODICI MILLE, E LA SECONDA FU PERCHE' DA QUELLA PARTE ESSENDOVI UN PONTE COSI' LUNGO NON TEMEVANO PUNTO L'INIMICO. LE MONACHE DI TAL LUOGO FURONO TRASPORTATE IN CITTA' IN UN GRANDE PALAZZO D'UN GENTILUOMO, CHE PENSO' BENE IN TEMPI CALAMITOSI, COTANTO DI ANDAR ALTROVE.

TENTARONO UN GIORNO DOPO DI ANDAR IN GROSSA TRUPPA PARIMENTI ALLA DETTA PORTA CIRESA, MA GLI ASSEDIATI PIENI D'ASTUZIA MILITARE LI LASCIARONO VENIR UN POCO AVANTI, E POI CON CANNONI A MITRAGLIA, E SPAZZACAMPAGNE NE UCCISERO IN UN MOMENTO MILLE, E MILLE FERITI, E SUBITO ALLORA PERSUASI I FRANCESI DI TALI SALUTI SI RITIRARONO; MA FECERA COSTORO TALE AZZARDOSO AVANZAMENTO PERCHE' ANCHE IN TALE CITTA' AVEVANO DEI FAUTORI GIACOBINI.

LORO MAGIOR CAMPO ERA ALLA PORTA DI SAN GIORGIO, ED I MAGGIORI DANNI FURONO RECATI A CASTELLARO, E ROVERBELLA, OVE SEMPRE V'ERANO FRANCESI, A SEGNO CHE GLI ABITANTI DI QUESTI DUE PAESI PER LA MAGGIOR PARTE FUGGIRONO, LASCIANDO DA MIETERE LE BIADE, ED OGNI ALTRA COLTIVAZIONE. ANCHE QUASI TUTTO IL RISO IN QUEI CONTORNI ANDO' MISERAMENTE PERDUTO, PERCHE' NON SI TROVAVANO GENTI CHE LO RACCOGLIESSERO. LA CHIESA DI ROVERBELLA IN TAL'INCONTRO SERVI' DI STALLA, E LE CASE, E I GENERI DI CIBARIA ERANO A DISPOSIZIONE DI QUEI PREPOTENTI ORGOGLIOSI LADRONI. (1C) (UNA NAZIONE CH'ERA CHIAMATA COL NOME DI CRISTIANISSIMA SEMBRERA' IMPOSSIBILE COME SIA STATA CAPACE DI PROFANAR LE CHIESE, DI ATTERRAR LA CATTOLICA RELIGIONE, E DI DARSI 'N BRACCIO AD OGNI QUALITA' DEI PIU' ENORMI DELITTI. L'EMPIO, ED ESACRANDO VOLTAIRE CON LE PAROLE, E CON GLI SCRITTI FECE GRAN MALE, ED IN SEGUITO POI MAGGIORMENTE SI ACCREBBE DALLO STOLIDO LIBERO EMESSO DELLE STAMPE). IL BONAPARTE AVEVA DETTO AI VERONESI, CHE NEL TERMINE DI GORNI OTTO VOLEVA ESSERE IN MANTOVA, MA QUESTA SUA IDEA NON COSI'PRESTO, NE COSI' FACILMENTE SI EFFETTUO' COME PENSAVA; PER IL CHE GLIFURONO FATTI MOLTI SATIRICI SONETTI, ED ESSO LEGGENDOLI, DICESI CHE RIDESSE. NON MANCAVA OGNI GIORNO DI CERCAR OGNI STRADA PER ENTRARVI, MA SEMPRE INUTILMENTE, POICHE' COL CANNONE , E CON LO SPAZZACAMPAGNE VENIVA DISFATTA OGNI FORTIFICAZIONE, E RESO INUTILE OGNI TENTATIVO CONNOTABILE STRAGGE DEI FRANCESI. I FERITI VENIVANO PORTATI A VERONA AL CONVENTO DI SANT'EUFEMIA, OVE LA CHIESA (COSA ORRIBILE A DIRSI!) SERVIVA PER LORO OSPITALE. SERVIRONO POI ANCHE IN SEGUITO DI QUESGLI EMPII ATEISTI PER OSPITALE IL LAZZARETTO, LA CHIESA DI SAN BERNARDINO, E POI POCO DOPO ANCHE LA CHIESA DI SAN TOMMASO.7

 

Un'armata vittoriosa, che non conosceva argini, dei principi rivoluzionari, che li dilatavano, una misera Neutralità disarmata, che aveva dati dei frivoli pretesti, particolarmente sull'asilo dato agli emigrati francesi, tutti questi riflessi misero lo spavento, e il terrore nella Città di Verona, promosso da chi meno doveva, e perciò prima, che sul far del giorno, vi arrivassero i Francesi, tutte le famiglie primarie se ne fuggirono, con un immenso disordine, e posero il Governo Veneto in un indicibile avvilimento. Il Provveditor Foscarini, appena giunto, non servì per non dir altro, che a maggiormente avvilire la circostanza. Tutte le città venete intimorite e quasi tratte alla capitale temevano ogni cosa; quando un manifesto del Generale Bonaparte restituì un poca di calma; era questo espresso in sostanza così: che l'armata francese non passerà nello Stato Veneto che per inseguire i resti dell'armata austriaca; che rispetterebbe il Governo (DELLA REPUBBLICA VENETO), la Religione, le Proprietà, e che sarebbe pagata ogni cosa in denaro contante8 .

 

4 GIUGNO 1796 FRANCESCO BATTAIA E NICOLO' ERIZZO , PLENIPOTENZIARI DELLE REPUBLICA VENETA VANNO A ROVERBELLA , QUARTIER GENERALE DI NAPOLEONE A PROTESTARE PER L'INVASIONE E IL SUPERAMENTO DELLA LINEA DEL MINCIO.

 

5 GIUGNO 1796 NAPOLEONE CONCLUDE CON IL PRINCIPE BELLAMONTE PIGNATELLI, AMBASCIATORE DEL RE DI NAPOLI , UNA TREGUA CON I BORBONI.

IL PATTO ERA CONSEGUENTE AL PATTO DI SANT'IDELFONSO. IL PATTO DI S'ANTIDELFONSO DEL 19 MAGGIO 1796 PREVEDEVA LA NUOVA ALLEANZA FRANCESE SPAGNOLA E QUINDI SPECIALMENTE LE NAVI SPAGNOLE AVEVA ABBANDONATO QUELLE INGLESI PER CONGIUNGERSI CON QUELLE FRANCESI.

 

QUINDI GLI SPAGNOLI CHE AVEVANO BASI A CREMA, BERGAMO, E BRESCIA ( NELLA REPUBLICA VENETIA) SI RICOLLOCO' NELLO SCACCHIERE DELLA PENISOLA, E IN PARTICOLARE QUESTA CAVALLERIA BORBONICA, LASCIO' IL CAMPO AGLI AUSTRIACIE I FRANCESI IN UNA NAZIONE NEUTRALE QUALE ERA VENEXIA.

 

10 GIUGNO 1796 L'ARMATA DI FRANCIA OCCUPA VERONA IN MANIERA ARMATA E STABILE (VERONA FA PARTE DELLA REPVBLICA VENETIA NEUTRALE ) SENZA TROVARE RESISTENZA

 

13 - 17 GIUGNO 1796 RIVOLTA A TORTONA E D'INTORNI PALO AVO PO PADUS. A REPRIMERE IL POPOLO SOLLEVATO CON LA BANDIERA ASBURGICA CI VA IL FRANCESE GENERALE LANNES CON 1200 UOMINI, MISE A FERRO E FUOCO LE COMUNITA' DEGLI INSORTI E FA GIURARE FEDELTA' ALLA FRANCIA.

 

14 GIUGNO 1796

NEL GIORNO 14 SI PRESENTARONO ALLA PORTA DI LEGNAGO TRENTATRE' FRANCESI PARTE A CAVALLO, E PARTE A PIEDI, I QUALI APPENA SCOPERTI ESSENDO STATA CHIUSA LA PORTA , COSI' FECERO PASSAR PAROLA AL PROVVEDITOR, CHE LORO PERMETESSE FERMARSI SOLO DI PASAGGIO, ED ALLORA FURONO INTRODOTTI, E SERVITI DI CIO' CHE CHIESERO.9

 

15 GIUGNO 1796

I FRANCESEI ANDARONO NEL SEGUENTE GIORNO ALLA BADIA, INDI ANCORA A LEGNAGO, E POCHI GIORNI DOPO NE CAPITARONO DUECENTO, E CINQUANTA 10 RIFERISCE IGNAZIO MENIN DA SAN ZENON PALOALVEO FRATA TORAZO ADESE.

 

LA FORTEZZA CITTA' ISOLA DI MANTOVA NON CADE E L'ESERCITO FRANCESE DEVE CAMBIARE OBIETTIVO.

DAL 18 AL 23 GIUGNO 1796 LE ARMI FRANCESI SI RIVOLGONO CONTRO LO STATO PONTIFICIO E LE SUE "LEGAZIONI"

 

EL 20 giugno 1796

I FRANCESI I VA DRENTO ALE LEGAZION PONTIFICIE DE LO STATO DEL LA CESA E conquista le legazioni pontificie BOLOGNA - FERARA - MODENA - RAVENNA - IMOLA - E FAENZA -

 

EL 23 giugno 1796 a Bologna vien firmà TRA I FRANCESI E I RAPRESENTANTI DE LE LEGAZION PONTIFICIE , l’armistizio.

I FRANCESI FA SUE FERARA, BOLOGNA, DUCATO DE MODENA. OVVIAMENTE E COME DI COSTUME FRANCESE VENNERO MANOMESI I DEPOSITI DEI MONTI DI PIETA', SPOGLIATE CHIESE, LE PINACOTECHE, E I MUSEI.

BOLOGNA ACCOLSE LE TRUPPE FRANCESI COME LIBERATRICI IN QUANTO SPERAVA DI AVERE RESTITUITI GLI ANTICHI ABOLITI PRIVILEGI DI CUI SI ERA IMPOSSESATO LO STATO PONTIFICIO. NELL'OCCASIONE VENGONO LIBERATI I GIACOBINI ARRESTATI NEL 1794 E CONDANNATI COME COMPLICI DEL GIACOBINO ZAMBONI, E DE ROLANDIS.

IL 23 GIUGNO 1796 BONAPARTE E' A BOLOGNA , LO STATO DELLA CHIESA , GLI INVIA I PLENIPOTENZIARI D'AZARA E IL MARCHESE GRANDI.

BONAPARTE IMPONE , PER L'ARMISTIZIO O TREGUA, LE SEGUENTI CONDIZIONI: QUARANTA MILIONI, IL TESORO DELLA SANTA CASA DI LORETO, DUEMILA CODICI VATICANI, DUECENTO OPERE D'ARTE, ESPULSIONE DEI FUORIUSCITI ESULI FRANCESI OSPITI NELLO STATO PONTIFICIO, IL PAPA DOVEVA EMANARE UNA BOLLA A FOVORE DELLA REPUBBLICA FRANCESE. LA TYRATTATIVA SI SNODO' CON IL PATTO CHE I FRANCESI RESTITUIVANO FAENZA E RAVENNA, MA I PLENIPOTENZIARI PONTIFICI NON OTTENNERO LA RESTITUZIONE DELLE LEGAZIONI DI BOLOGNA E DUI FERRARA. BONAPARTE SI APPROPRIAVA DEL PORTO DI ANCONA. LO STATO PONTIFICIO ACCETTVA DI PAGARE L'INDENNIZZO IN 21 MILIONI DI LIRE, ALLA FAMIGLIA BASSVILLA, SCARCERAVA I PRIGIONIERI POLITICI, CONSEGNAVA 500 CODICI E CENTO OPERE D'ARTE.

EVIDENTEMENTE TRA FRANCESI E STATO DELLA CHIESA NON C'ERA UN GRANDE ACCORDO.

 

IL 24 GIUGNO 1796

A VERONA INTANTO , RACCONTA IGNAZIO MENIN , DI FRANCESI NE ARRIVARONO OTTOCENTO, E POI ANCORA DI QUANDO IN QUANDO, COSICCHE' ALLA FINE DEL MESE ERANO QUASI TRE-MILLE SOTTO LA CONDOTTA DEL GENERALE (FRANCESE N.D.R.) AUGEREAU, IL QUALE ANDO' AD ABITAR NEL PALAZZO DEL N.H. CONTARINI DA MULA, MA QUESTO SUOPERBO, ED ARROGANTE GENERALE NON SI FERMO' CHE PER POCHI GIORNI. LA MAGGIOR PARTRE STETTE IN LEGNAGO, MA POSERTO ANCHE UN PICCOLO CORPO CON DUE CANNONI FUORI DELLA PORTA DI PORTO ALLA VOLTA DELLA STRADA DETTA FRANCHINA. IL FIGLIO DELL'OSTE FRECCIA, CHE STAVA VICINO ALLA PORTA DI PORTO FECE AMICIZIA CON QUATTRO FRANCESI, ED INSEGNO' LORO OV'ERA LA MUNIZIONE, I CANNONI, E L'ARMAMENTO, DEL CHE SCOPERTO FU DI NOTTE INCAPUZZATO, ED ALLA MATTINA SUBITO SPEDITO A VENEZIA. CH'IO PARLI DEI DISTURBI, DELLA CONFUSIONE, E DEGLI AFFANNI PROVOCATI AGLI ABITANTI DI QUESTA FORTEZZA ELLA E' COSA SUPERFLUA, IMPERCIOCCHE' OV'ARRIVAVANO QUESTI LADRONI TUTTI ERANO ALLO STESSO PASSO; SOLO DIRO' CHE QUESTA PREPOTENTE VIL CIURMA USAVA CONTINUE RUBERIE, IL CHE GIA' FACEVA IN OGNI CITTA' INDISTINTAMENTE, COME PER ESEMPIO ANDAR IN DIVERSI ALL'OSTERIA, E NON PAGAR, RUBAR AI FRUTTAROLI I FRUTTI IN PIAZZA, ANDARSI A FAR PETTINAR, E NON DAR NIENTE, COMPRAR QUALCHE CAPO , E POI INVECE DI DENARO MINACCIAR DELLE BUSSE, E MILLE DI QUESTE VILI AZIONI, E RUBERIE11 .....

 

L'ARMATA FRANCESE DOPO AVER MARZO APRIL 1796 INVASO LO STATO SABAUDO DEI SAVOIA, EL DUCATO DE MILAN, LE LEGAZIONI PONTIFICIE : BOLOGNA,-FERARA- , EL DUCATO DE MODENA, EL DUCATO DE PARMA. L'ARMATA FRANCESE RIVA FIN IN TOSCANA E MINACIA LE NAVI INGLESI CHE SE RITIRA NE L’ARCIPELAGO TOSCANO - ISOLA D’ELBA.

 

 

30 GIUGNO 1796 DALLO STATO PONTIFICIO PARTONO I PLENEIPOTENZIARI CONTE CRISTOFORO PIERACCINI, IL SEGRETARIO EVANGELISTI E IL PADRE DOMENICANO GRANDI ALLA VOLTA DI UNA MISSIONE A PARIGI PER TENTAR DI STRAPPARE CONDIZIONI MENO GRAVOSE TENTANDO DI TRATTARE DIRETTAMENTE CON IL DIRETTORIO PARIGINO.

 

DAL 30 GIUGNO AL 5 LUGLIO 1796 IL GENERALE BONAPARTE DA' ORDINE AL SUO SOTTOPOSTO VAUBAIS DI OCCUPARE IL GRANDUCATO DI TOSCANA . VENGONO QUINDI VIA VIA OCCUPATE MASSA E CARRARA, E ABOLITA LA REGGENZA IMPERIALE AUSTRIACA ASBURGICA, POI E' LA VOLTA DI PISTOIA, QUINDI DELLO STRATEGICO PORTO DI LIVORNO PER MINACCIARE GLI INGLESI CHE FINO A QUALCHE GIORNO PRIMA LO TENEVANO E VI AVEVANO LE LORO NAVI. NAVI E MERCI INGLESI SCOMPARVERO DA LIVORNO DUE GIORNI PRIMA DELL' ARRIVO DEI FRANCESI. IL GOVERNATORE DEL DUCATO DI TOSCANA PER CONTO DEI BORBONI SPAGNOLI ( NEO ALLEATI ALLA FRANCIA ) ERA SPANNOCCHI. PER IL TRADIMENTO DI ESSERSI FATTO SFUGGIRE GLI INGLESI , VENNE ARRESTATO PORTATO IN CARCERE A FIRENZE. IL GENERALE BONAPARTE CONFISCO' TUTTI I BENI DEI NEGOZIANTI INGLESI, AUSTRIACI, E RUSSI. BONAPARTE LASCIO' IN PRESISIDIO DEL DUCATO DI TOSCANA 2800 SOLDATI. IN QUESTO GIORNO ENTRA TRIONFALMENTE IN FIRENZE BONAPARTE CON IL GENERALE FRANCESE BERTHIER. GLI INGLESI OCCUPANO CON LE LORO NAVI PORTO FERRAIO NELL'ISOLA D'ELBA E SBARCANO NELLA MAREMMA DEL GRANDUCATO DI TOSCANA.

ANCHE LUCCA CADE ALL'ARRIVO DEI FRANCESI.

 

LA REPUBLICA GENOVESE E' ANCORA SOVRANA, COME LA REPUBLICA VENETA.

 

 

LUIO 1796

 

 

4 luglio 1796

A VERONA INTANTO , RIFERISCE IGNAZIO MENIN Massena scrive al Generale Veneto Nicolò Foscarini che tiene la Piazza di Verona “ E EL tempo infine, Signor Provveditore che gli omicidi che i vostri soldati compiono ne cessino di commetterli. Eventi che devono finire”EL Generale rampon , Comandante a Verona , mi ha reso conto che numerosi nostri volontari sono stati assassinati a colpi di stELetto o di sciabola, dai vostri Schiavoni.

 

 

4 LUGLIO 1796 IL PAPA PIO VI IN SEGUITO ALLA CAPITOLAZIONE DOVETTE INDIRIZZARE UN "BREVE" AI CATTOLICI FRANCESI ESORTANDOLI AD UBBIDIRE ALLE AUTORITA' FRANCESI E AFFERMANDO CHE LA CHIESA NON AVVERSAVA L'OSSERVANZA DELLE LEGGI CIVILI IMPOSTE , SIA DAL DIRETTORIO IN FRANCIA, MA ANCHE DA BONAPARTE NELLA PENISOLA ITALICA DA BONAPARTE INVASA.

 

7 luglio 1796

Massena scrive di nuovo con maggior protervia e accresciuta insistenza al Generale Veneto Nicolò Foscarini che tiene la Piazza di Verona: ..per le pieces ci jontes che gli assassini continuano, e che le orde che presumo che Voi avete EL dono di reprimere ne sono nullamente servite. Io Voi preavviso che se queste orrendezze non finiscono, io non potrò più rispondere delle situazioni funeste che loro causeranno infallibELmente.

 

8 luglio 1796

Bonaparte indirizza questa lettera al Provveditore Foscarini:”C’è dentro la truppa degli Schiavoni una animosità che dei malviventi , senza dote piaccia loro cimentarsi, E’ idispensabELe Signore , per evitare dei più grandi mali si faccia che contrri agli interessi delle due Repubbliche , que Voi facciate uscire domani da Verona , sotto EL pretesto più speciale i battaglioni degli Schiavoni che Voi avete nella Città di Verona. EL vincitore si esprime chiaramnte e non ammette replica. Napoleone sapeva chein quei giorni, non c’erano più di 500 soldati Veneti a presidio di Verona e quindi poteva fare la voce grossa. Ogni tentativo di far recedere Bonaparte dalla determinazione presa riuscì vano, ad onta che EL provveditore Foscarini , col collega Battaglia , si fossero adoperati coi modi soavi a produrre l’effetto voluto.”Ciò però non servì ad altro “aggiungevano i provveditori” che a far prendere a Bonaparte un tono ancora più deciso, sicchè abbandonando quelle maniere piacevoli colle quali ci aveva in prima accolti, disse che era tempo che cessassero gli scandali, e che fosse tolta radicalmente l’occasione a querele... e che senza dELazione di sorta gli Schiavoni si rimpiazzassero con Italiani, in quel numero che fosse piaciuto. Che egli poi (Bonaparte) non si curava di esaminare chi tra gli Schiavoni o Francesi avesse ragione o torto, che non dovevamo però ignorare che scambievole era tra queste due nazioni EL livore e lo spirito di vendetta. E facendoci intendere che era necessitato di occuparsi di altri affari, ci obbligò subito a congedarci. Ai due rappresentanti di un potere ormai morituro messi così duramente alla porta , tra la vergogna del sottomettersi e l’incertezza dell’esito in una reazione improvvisa senza la ferma volontà di rinsanguarla con EL braccio e con la fede , EL primo partito parve più prudente e conforme alle necessità dell’ora.

 

9 luglio 1796

Le artiglierie del generale francese Rampon salivano indisturbate sui rampari della fortezza di Verona e con gesto violento si surrogavano alle armi Venete che vergognosamente si erano date alla latitanza.

Le truppe Venete come Napoleone aveva voluto all’alba, del 9 escono alla chetichella da Verona come fuggiaschi di fronte alla fatalità di un destino che incombeva sul loro capo come su quello dei governanti della Serenissima. Le casacche cremisi , che mai avevano indietreggiato, neanche di fronte ai Turchi, cedevano ora misteriosamente terreno.

Tre compagnie del Reggimento oltremarino Veneto, con la bandiera vermiglia si ritiravano verso Vicenza e quattro compagnie si ritiravano a Padova in attesa di ordini dell’Ecc. Senato.

Conviene mettere l’accento sul ruolo dei diplomatici francese che agivano in una qualche sorte al di là del campo della rassegna operativa. Essi corrispondevano direttamente con i generali e inviavano le loro corrispondenze al loro ministero. Le informazioni erano numerose e d’interesse.

Bonaparte beneficierà di un largo dispositivo di rassegne e di azioni durante la sua prima campagna d’Italia.

A Parigi arrivano anche le proteste del Senato Veneto.

A Vicenza nel 1796

viene inviato ClarK (Henri -Jacques-GuELlaume, conte de Hunebourg poi Duca di Feltre diorigine Irlandese , sotto EL vecchio regime , egli è ufficELe cavaliere , Egli diviene nel 1790 ambasciatore in InghELterra. nel 1793 è nominato generale di divisione dopo essere stato sospettato ed arrestato.

Clark a Vicenza è ufficIALmente per negoziare con gli Asustriaci la liberazione di Lafaiette e dei suoi compagni detenuti a Ollmutz. Ma egli è anche inviato dal Direttorio per sorvegliare l’attività del generale Bonaparte.

 

GLI ASBURGO FANNO CIRCOLARE LA VOCE DELLA LORO IMMINENTE CONTROFFENSIVA CON A CAPO IL VECCHIO GENERALE WURMSER CHE SAREBBE PRESTO RITORNATO A DARE BATTAGLIA AI FRANCESI FORTE DI 50.000 UOMINI. COSI' IL GENERALE BONAPARTE RIPORTA LE SUE TRUPPE A OVEST DELLA LINEA DEL MINCIO, RIPRESE L'ASSEDIO A MANTOVA CON IL GENERALE FRANCESE SERRURIER AL COMANDO DI 12.000 SOLDATI. MASSENA GENERALE FRANCESE CON 15.400 UOMINI DOVEVA DIRIGERSI E PRENDERE RIVOLI VERONESE. IL GENERALE FRANCESE SAURET FU COMANDATO DI PRENDERE POSISZIONE A SALO' , 5.300 SOLDATI FRANCESI DOVEVANO PORTARSI A LEGNAGO COME RISERVA, LA LINEA DEL MICIO DOVEVA ESSERE TENUTA DAL GENERALE FRANCESE DESPINOYS APPOGGIATO DA 1500 SOLDATI DELLA CAVALLERIA, AGLI ORDINI DEL GENRALE FRANCESE KILMAINE.

 

ALLA FINE DI LUGLIO 1796 COMPARVERO LE TRUPPE AUSTRIACHE. I'AUSTRIACI TACA DA TRE PARTE.

DAL CESE VEN ZO' SUL BRSCIAN EL GENERAL AUSTRIACO QUOSDNOWICH CON 17.000 SOLDA' CHE PUNTA SU BRESCIA.

DAL BRENTA VEN ZO' EL GENERAL ASBURGICO AUSTRIACO MESZAROS CON 5.000 SOLDA'.

DA L'ADIGE, EL TIROLO VEN ZO PAR CIAPAR VERONA EL GENERAL ASBURGICO WURMSER CON 24.000 SOLDA'.

 

LE PRIME BATAGLIE I'E' FAVOREVOLI AI AUSTRIACI, L'AUSTRIACO QUOSDDANOWICH CIAPA BRESCIA, E SALO. MASSENA GENERAL FRANCESE VEN MANDA' INDRIO A RIVOLI VERONESE DA WURMUSER . MA LA TERZA COLONA CHE DOVEA VEGNER ZO DAL BRENTA NO LA SE VEDE.

 

30 LUGLIO TRUPPE AUSTRIACHE SOCCORRONO MANTOVA.

30 LUGLIO 1796 SI ERA DIFFUSA LA VOCE DELLA VITTORIA AUSTRIACA, CHE NAPOLEONE BONAPARTE ERA STATO FERITO, CHE GLI AUSTRIACVI ERANO IN PROCINTO DI RICONQUISTARE MILANO. QUESTA VOCE AVEVA FATTO ALZARE IL CAPO AGLI AUSTRICANTI, IL RE DI NAPOLI, ALLA TESTA DI UN ESERCITO , PAREVA VOLESSE MARCIARE VERSO MANTOVA, MENTRE LO STATO PONTIFICIO GIA' PENSAVA DI BANDIRE UNA GUERRA CONTRO LA FRANCIA E SI ADOPERAVA PER RIPRENDERSI LE LEGAZIONI PONTIFICIE APPENA PERSE.

 

BONAPARTE SI RITIRO' DA VERONA, E DA LEGNAGO, TOLSE L'ASSEDIO A MANTOVA.

LA CONTROFFENSIVA DI BONAPARTE SI CONCENTRO' A OVEST DEL MINCIO. A LONATO FINO A GAVARDO LUNGO IL CESE VI FU LA CONTROFFENSIVA FRANCESE DI MASSENA CHE NON CONSENTI' A QUOSDANOWICH (AUSTRIACO) DI ARRIVARE A MANTOVA, MA ANZI LO FECE RITORNARE A GAVARDO. E MASSENA (FRANCESE) RICONQUISTO' SALO'. (31 LUGLIO 1 AGOSTO 1796)

 

 

 

AGOSTO 1796

 

DOPO QUESTE VITTORIE , BONAPARTE , AVENDO SAPUTO CHE IL GENERALE ASBURGICO LIPTAY AVEVA PASSATO LA LINEA DEL MINCIO A VALEGGIO, ORDINO' AL GENERALE AUGEREAU (FRANCESE) E A KILMAINE (FRANCESE) DI POSIZIONARSI A MONTECHIARI. AI FRANCESI GENERALI SUARET, DOLLEMAGNE, DESPINOYS VENNE DATO IL COMPITO D'IMPEDERE ALLE TRUPPE ASBURGICHE DI QUASDANOWICH DI SCENDERE DA GAVARDO LUNGO IL CHIESE O DALLA COSTA DEL BENACO CHE DAS SALO' PORTA A DESENZANO. E QUINDI RICONGIUNGERSI SULLA LINEA DEL MINCIO - VALEGGIO - ROVERBELLA - MANTOVA.

 

IL

3 AGOSTO 1796 WURMUSER CHE NON E' STATO FERMATO, A RIVOLI VERONESE PASSA IL MINCIO A GOITO.

WURMUSER AUSTRIACO , ORDINA AL SUO GENERALE QUOSDANOWICH (asburgico) DI SCENDERE AD OCCUPARE DESENZANO E DI MOLESTARE IL GENERALE FRANCESE MASSENA SU LONATO.

 

(...........QUA' E RIVA' LA CENSURA........che ha taia' un toco)

 

 

 

1796 I SE SPOSA, NAPOLEONE E GIUSEPINA MA LU NO GA GNENTE AL MONDO, EL PIENA DE DEBITI

 

GIUSEPPINA,IN BONAPARTE dita BEPA (in VENETO)

http://www.youtube.com/watch?v=SrYHpGyMyQE&feature=related

 

 

APOLOGIA A NAPOLEONE BONAPARTE CON RIGOROSA OMISION DE LA RAPINA VENETA

http://www.youtube.com/watch?v=qfiVhnyzSEI

 

 

1796 APRILE CHERASCO guarda i filmati , schiza el boton chi soto

http://www.youtube.com/watch?v=9yV6K2vAVGA - rievocazion 2008 http://www.youtube.com/watch?v=XORWngfCIoo&feature=related

 

 

venardi 28 marzo 2008 ORE 20,30

Marano vicentino

Vicenza

 

 

Renato De Paoli

POETA EDITOR STORICO - DE ISOLE VENETE ENDOLAGUNA - SCRITOR -

 

 

IL TRATTATO FRANCO - SPAGNOLO DI SAN ILDENFONSO (19 MAGGIO 1796) SANCISCE L'ALLEANZA SPAGNOLA CON LA FRANCIA RIVOLUZIONARIA , UNENDO LE DUE FLOTTE A TOLONE. IL TRATTATO AVEVA INFRANTO OGNI ILLUSIONE PER LA CAUSA DELLA REPUBBLICA CORSA, DI UN ITERVENTO BRITANNICO A FAVORE DELLE REPUBBLICA DI GENOVA E LA REPUBBLICA DI VENEZIA E DI QUELLA CORSA.

GLI INGLESI RITIRANO LA FLOTTA DAL TIRRENO E MAR LIGURE E ABBANDONANO LA CORSICA ALLA FRANCIA DEL DIRETTORIO PARIGINO.

DE PAOLI DOVETTE EVAQUARLA OBBEDENDO ALL'INVITO DEL GOVERNO INGLESE DI TORNARE A LONDRA NEL 1796.

DE PAOLI PASQUALE PASSO’ GLI ULTIMI 13 ANNI DI VITA A LONDRA DAL 1976 AL 1807. MUORE ESULE ALL'ETA’ DI 82 ANNI.

 

fine magio 1796 I AUSTRIACI RINCULA SU PESCHIERA E MANTOVA I FRANCESI I VIOLA LA NEUTRALITA' DE LA REPUBLICA VENETIA INDIPENDENTE DA QUATORDESE SECOLI

http://www.youtube.com/watch?v=C5iE4TDBADQ

 

Lo scacchiere Mediterraneo (mare interno o oceano in antichita’) CHE E' SOLCATO PER BUONA PARTE DALLE NAVI DELLA REPUBLICA VENETA NEUTRALE.

 

 

Il 19 MAGGIO del 1796 mentre Napoleone aveva conquistato Il Piemonte, il ducato di Milano, le Legazioni Pontificie (Modena, Bologna, Ferrara, Ancona), la Toscana; la Spagna capovolge la sua alleanza e lascia la colalizione anti francese guidata dall’inghilterra e vi si mette contro alleandosi con la Francia.

 

Venne firmato il (primo o secondo? poco importa ) trattato di San Idelfonso .

 

Doppio gioco della Spagna. lasciò gli inglesi nel mediterraneo. anzi li supplico’ di rimanere.

Gli Inglesi avevano abbandonato la corsica e l’isola d’Elba.

 

 

Madrid fece seguire, addirittura, il primo trattato di Sant’Idelfonso del 19 MAGGIO 1796, che inaugurò una inedita alleanza militare, che costrinse il regno ad una sfortunata campagna contro la potente Inghilterra, segnata dal disastro di Cabo San Vicente. Tornato al potere nel 1798, Godoy riprese l’alleanza con la Francia, che portò al disastro di Trafalgar e, soprattutto, consentì l’ingresso in Spagna di circa 65'000 soldati francesi.

 

Coi (due tre) patti di San Ildefonso (1796 e 1800) la Spagna si legò mani e piedi alla Francia , nel senso che fu costretta a dichiarare guerra all'Inghilterra.Non impedì , tuttavia , che la Spagna lasciasse l’Inghilterra nel Mediterraneo o mar Interno, all’insaputa della Francia del direttorio e di Napoleone.

 

La dichiarazione di guerra della Spagna alla Gran Bretagna ed al Portogallo nell'ottobre 1796, in seguito al Trattato di San Ildefonso1 con la Francia, rese la posizione inglese nel Mediterraneo indifendibile. La flotta combinata franco-spagnola di trentotto vascelli di linea superava assai di numero quella britannica del Mediterraneo di soli quindici vascelli di linea, costringendo gli inglesi ad evacuare le loro posizioni prima in Corsica e poi sull'Isola d'Elba.

 

 

GIUGNO 1796 DA SAN ZENON IGNAZIO MENIN

 

1 GIUGNO 1796

NEL PRIMO GIORNO ADUNQUE DI GIUGNO , GIORNO MEMORANDO PER LE SUE CONSEGUENZE, ALLE ORE 14 CAPITO' (IN VERONA N.D.R.) QUESTO SUPERBO GENERALISSIMO COL SEGUITO DEL SUO ESERCITO.

MOLTI TEMERARI CURIOSI ERANO SPETTATORI SULLE MURE ALLA PORTA DI SAN ZEN, PER IL CHE IL GEN.MO BONAPARTE DIMANDO' AL GENERALE (VENETO N.D.R. ) SALIMBENI, C'ERA ANDATO AD INCONTRARLO ALLA PORTA , COSA FACEVA COLA' TANTE GENTI, AL CHE RISPOSE CHE VI SONO PER UN SOLO TRATTO DI CURIOSITA' ED ALLORA TACQUE.

ENTRO' ADUNQUE QUESTO GENERALISSIMO IN CITTA' COL SEGUITO SOLTANTO DI TRE MILLE UOMINI, E GLI ALTRI PER LA MAGIOR PARTE PIANTARONO CAMPO NELLA BASSA FUORI SUBITO DELLA PORTA NUOVA, E PARTE ALL'ALTRE PORTE.(NELL'INCONTRARSI CHE FECERO FRA IL GEN.MO BONAPARTE , ED IL GENERAL SALIMBENI DICESI CHE SI ABBIANO DATO UN BACCIO.

I GRADUATI SI DISTRIBUIRONO PER LE CASE DEI NOBILI IN PRIMO LUOGO, MA NE ANDARONO ANCHE IN ALTRE FAMIGLIE NON NOBILI, PERCHE' NE N'ERANO IN GRANDE QUANTITA',( OGNI CENTO, E VENTI SOLDATI AVEVANO VENTI GRADUATI, E CIO' SERVIVA DI GRANDE CORAGGIO A QUELLI CHE AVEVANO UN POCO DI TALENTO, PERCHE' FACILMENTE SCENDEVANO. SI STUPIVANO I VERONESI, NON POTENDO CONOSCERE E: G: IL SARGENTE DAL MAGGIORE, IL CAPITANO DAL GENERALE, PERCHE' TUTTI UGUALMENTE ERANO LACERI, MA POCO DOPO COL SANGUE DEL VENETO TRADITO DOMINIO SI VESTIRONO SUPERBAMENTE, E SECONDO IL GRADO CON MAGNIFICI DISTINTIVI D'ORO SI DISTINGUEVANO L'UN L'ALTRO OTTIMAMENTE) COMANDANDO A PIACIMENTO PER L'APPARTAMENTO, E BIANCHERIA, E MILLE ALTRI COMODI ANCORA VOLENDO, SECONDO CHE LORO FACEVA DI BISOGNO, CON GRANDISSIMO, E DISPENDIOSO INCOMODO DELLA FAMIGLIA. IL GENERAL.MO BONAPARTE ANDO' NEL PALAZZO DEL CONTE MIGLIO ALLA PIGNA, DOVENDO POCHI GIORNI DOPO ESSO CONTE CON TUTTA LA SUA FAMIGLIA ANDAR IN CAMPAGNA PER IL GRANDE SEGUITO COLA' INTRODOTTOSI.(1) ( VEDUTO AVENDO IL POPOLO , CHE IMMEDIATAMENTE SENZA DIMANDAR AD ALCUNO VA QUESTO GENERAL.MO A SMONTAR IN TALE PALAZZO, COSI' A COMMUN VOCE QUESTI DUE FRATELLI CONTI MIGLI VENIVANO TACCIATI A TORTO DI GIACOBINI, MENTRE IN FATTO DI VERITA' NON LO ERANO. COL PROGRESSO DEL TEMPO FURONO SCOPERTI TUTTI I GIACOBINI, NE PIU' IL POPOLO IN TAL AFFARE PRESE ERRORE.LE DONNE DI OGNI QUALITA' STAVANO RITIRATE NON GIA' REALMENTE PER VERO TIMORE, MA BENSI' COME VEDREMMO, PER UN TRATTO D'IPOCRISIA PER DARLA AD INTENDERE CON PIU' FACILITA' LE MARITATE AI MARITI, E LE FANCIULLE AI GENITORI. CHIUSE STETTERO PER VARI GIORNI LE CHIESE, E SOLO CERTE PARROCHHIE CON LA PIU' PICCIOLA CAMPANA DAVANO UN PICCIOLO SEGNO; INTRODUCENDO I DIVOTI PER LE PORTE PIU' SECRETE.

NON PIU' I MERCATI FACEVANO POMPA DEI LORO GENERI DI GRANDE VALORE; NON PIU' GLI OREFICI DELLE LORO BELLE , E RICCHE MANIFATURE; NON PIU' I GIOIELLIERI DELLE LORO RICCHEZZE; MA TUTTO SPIRAVA POVERTA' E TRISTEZZA.

LE MERETRICI DAI LORO PUBBLICI SOZZI DESTINATI POSTRIBOLI DOVETTERO FUGGIRE PER LA GRANDE QUANTITA' DI SOLDATI FAMELICI CARNALI, CHE COLA' IN FLOTTA ACCORRVANO A SAZIARE LE LORO SORDIDE BRAME, NON POTENDO ESSE RESISTERE A TANTA FATICA, E LAVORO, E POI ANCHE PERCHE' POCHI PAGAVANO, FACENDO INVECE MILLE ALTRE INSOLENZE, E BRICCONERIE. NEI PRIMI GIORNI (DI GIUGNO 1796 N.D.R.) CERTI SERVITORI, PARRUCCHIERI, ED ALTRI ARTIGIANI, ENTUSIASMATI PROBABILMENTE DAI PERFIDI GIACOBINI, ANDAVANO INSIEME CON I FRANCESI CANTANDO VIVA LA LIBERTA'; MA POCO DURO' LORO QUESTO DIVERTIMENTO, POICHE' DI NOTTE FURONO LEGATI, E MANDATI SUBITO INCATENATI A VENEZIA PER BARCA. IN UNA SOLA VOLTA NE SONO STATI SPEDITI VENTI, E POI'NSEGUITO DEGLI ALTRI, DAL CHE IN PRIVATO CONVENIVA TRATTAR PER FORZA, PERC'ERANO IN CASA. (2) POCHI MESI AVANTI , CHE ARRIVASSERO I FRANCESI 'NQUESTA CITTA' ALCUNI VASCHETTI, CERTI FORSE INAVERTENTEMENTE PER UN SOLO TRATTO DI NOVITA' E CERTI POI PERCHE' GIACOBINI AVEVANO ESPOSTO SOPRA LE VELLADE I BOTTONI CON L'ALBERO DELLA LIBERTA'; MA IL PODESTA' LI FECE RICHIAMAR TUTTI, E DISSE LORO, CHE SE PIU' FARANNO USO DI TALI BOTTONI LI MANDERA' INCAPUZZATI A VENEZIA, PER IL QUAL SALUTO PRONTAMENTE UBBIDIRONO.

PRIMO PENSIERE DEI FRANCESI FU DI CIRCONDARE MANTOVA, E SUBITO INCOMINCIARONO SUL PRINCIPIAR DELLA NOTTE A BOMBARDARLA, E RIUSCI' LORO DOPO POCHISSIME BOMBE DI ACCENDERE IL CONVENTO DELLE CANTELME.

SUBITO CON TUTTO L'IMPEGNO ACCORSERO I MANTOVANI AD AMMORZARE TAL FUOCO, E A TRASPORTARE ALTROVE LE MONACHE , CHE RENITENTI VOLEVANO STARE COLA', ESSENDOSI FORMATO INCENDIO CONSIDERABILE, PERCHE' SI ACCESERO VARI LEGNARI. I FRANCESI ADUNQUE SENZA PERDERE PUNTO TEMPO, INCORAGGIATI DAL VEDER IN CITTA' TAL INCENDIO DIEDERO SUBITO UN FORTE ASSALTO AL LUOGO PIU' DEBOLE, CIOE' AL MIGLIORETTO SULLA SINISTRA DI PORTA CIRESA, MA ESSENDO TAL LUOGO ASSAI BEN DIFESO, COSI' PER TRE VOLTE A FORZA DI MITRAGLIA, E DI BAIONETTA IN CANNA FURONO RESPINTI, RESTANDONE MORTI, SENZA ESAGERARE DIECI-MILLE, E TRE-MILLE FERITI MENTRE AL CONTRARIO DI TEDESCHI, PERCHE' RIPARATI DALLE MURA, NON NE PERIRONO NEPPURE CENTO. IL FORTE DI SAN GIORGIO FU LASCITAO IN TOTALE ABBANDON PER DUE RAGIONI, LA PRIMA, E LA PRINCIPALE DELLE QUALI PERCHE' ERA SCARSA LA GUERNIGIONE, NON ARRIVANDO APPENA AL N° DI DODICI MILLE, E LA SECONDA FU PERCHE' DA QUELLA PARTE ESSENDOVI UN PONTE COSI' LUNGO NON TEMEVANO PUNTO L'INIMICO. LE MONACHE DI TAL LUOGO FURONO TRASPORTATE IN CITTA' IN UN GRANDE PALAZZO D'UN GENTILUOMO, CHE PENSO' BENE IN TEMPI CALAMITOSI, COTANTO DI ANDAR ALTROVE.

TENTARONO UN GIORNO DOPO DI ANDAR IN GROSSA TRUPPA PARIMENTI ALLA DETTA PORTA CIRESA, MA GLI ASSEDIATI PIENI D'ASTUZIA MILITARE LI LASCIARONO VENIR UN POCO AVANTI, E POI CON CANNONI A MITRAGLIA, E SPAZZACAMPAGNE NE UCCISERO IN UN MOMENTO MILLE, E MILLE FERITI, E SUBITO ALLORA PERSUASI I FRANCESI DI TALI SALUTI SI RITIRARONO; MA FECERA COSTORO TALE AZZARDOSO AVANZAMENTO PERCHE' ANCHE IN TALE CITTA' AVEVANO DEI FAUTORI GIACOBINI.

LORO MAGIOR CAMPO ERA ALLA PORTA DI SAN GIORGIO, ED I MAGGIORI DANNI FURONO RECATI A CASTELLARO, E ROVERBELLA, OVE SEMPRE V'ERANO FRANCESI, A SEGNO CHE GLI ABITANTI DI QUESTI DUE PAESI PER LA MAGGIOR PARTE FUGGIRONO, LASCIANDO DA MIETERE LE BIADE, ED OGNI ALTRA COLTIVAZIONE. ANCHE QUASI TUTTO IL RISO IN QUEI CONTORNI ANDO' MISERAMENTE PERDUTO, PERCHE' NON SI TROVAVANO GENTI CHE LO RACCOGLIESSERO. LA CHIESA DI ROVERBELLA IN TAL'INCONTRO SERVI' DI STALLA, E LE CASE, E I GENERI DI CIBARIA ERANO A DISPOSIZIONE DI QUEI PREPOTENTI ORGOGLIOSI LADRONI. (1C) (UNA NAZIONE CH'ERA CHIAMATA COL NOME DI CRISTIANISSIMA SEMBRERA' IMPOSSIBILE COME SIA STATA CAPACE DI PROFANAR LE CHIESE, DI ATTERRAR LA CATTOLICA RELIGIONE, E DI DARSI 'N BRACCIO AD OGNI QUALITA' DEI PIU' ENORMI DELITTI. L'EMPIO, ED ESACRANDO VOLTAIRE CON LE PAROLE, E CON GLI SCRITTI FECE GRAN MALE, ED IN SEGUITO POI MAGGIORMENTE SI ACCREBBE DALLO STOLIDO LIBERO EMESSO DELLE STAMPE). IL BONAPARTE AVEVA DETTO AI VERONESI, CHE NEL TERMINE DI GORNI OTTO VOLEVA ESSERE IN MANTOVA, MA QUESTA SUA IDEA NON COSI'PRESTO, NE COSI' FACILMENTE SI EFFETTUO' COME PENSAVA; PER IL CHE GLIFURONO FATTI MOLTI SATIRICI SONETTI, ED ESSO LEGGENDOLI, DICESI CHE RIDESSE. NON MANCAVA OGNI GIORNO DI CERCAR OGNI STRADA PER ENTRARVI, MA SEMPRE INUTILMENTE, POICHE' COL CANNONE , E CON LO SPAZZACAMPAGNE VENIVA DISFATTA OGNI FORTIFICAZIONE, E RESO INUTILE OGNI TENTATIVO CONNOTABILE STRAGGE DEI FRANCESI. I FERITI VENIVANO PORTATI A VERONA AL CONVENTO DI SANT'EUFEMIA, OVE LA CHIESA (COSA ORRIBILE A DIRSI!) SERVIVA PER LORO OSPITALE. SERVIRONO POI ANCHE IN SEGUITO DI QUESGLI EMPII ATEISTI PER OSPITALE IL LAZZARETTO, LA CHIESA DI SAN BERNARDINO, E POI POCO DOPO ANCHE LA CHIESA DI SAN TOMMASO.

 

14 GIUGNO 1796

NEL GIORNO 14 SI PRESENTARONO ALLA PORTA DI LEGNAGO TRENTATRE' FRANCESI PARTE A CAVALLO, E PARTE A PIEDI, I QUALI APPENA SCOPERTI ESSENDO STATA CHIUSA LA PORTA , COSI' FECERO PASSAR PAROLA AL PROVVEDITOR, CHE LORO PERMETESSE FERMARSI SOLO DI PASAGGIO, ED ALLORA FURONO INTRODOTTI, E SERVITI DI CIO' CHE CHIESERO.

 

15 GIUGNO 1796

 

ANDARONO NEL SEGUENTE GIORNO ALLA BADIA, INDI ANCORA A LEGNAGO, E POCHI GIORNI DOPO NE CAPITARONO DUECENTO, E CINQUANTA, E AI 24 NE ARRIVARONO OTTOCENTO, E POI ANCORA DI QUANDO IN QUANDO, COSICCHE' ALLA FINE DEL MESE ERANO QUASI TRE-MILLE SOTTOL LA CONDOTTA DEL GENERALE (FRANCESE N.D.R.) AUGEREAU, IL QUALE ANDO' AD ABITAR NEL PALAZZO DEL N.H. CONTARINI DA MULA, MA QUESTO SUOPERBO, ED ARROGANTE GENERALE NON SI FERMO' CHE PER POCHI GIORNI. LA MAGGIOR PARTRE STETTE IN LEGNAGO, MA POSERTO ANCHE UN PICCOLO CORPO CON DUE CANNONI FUORI DELLA PORTA DI PORTO ALLA VOLTA DELLA STRADA DETTA FRANCHINA. IL FIGLIO DELL'OSTE FRECCIA, CHE STAVA VICINO ALLA PORTA DI PORTO FECE AMICIZIA CON QUATTRO FRANCESI, ED INSEGNO' LORO OV'ERA LA MUNIZIONE, I CANNONI, E L'ARMAMENTO, DEL CHE SCOPERTO FU DI NOTTE INCAPUZZATO, ED ALLA MATTINA SUBITO SPEDITO A VENEZIA. CH'IO PARLI DEI DISTURBI, DELLA CONFUSIONE, E DEGLI AFFANNI PROVOCATI AGLI ABITANTI DI QUESTA FORTEZZA ELLA E' COSA SUPERFLUA, IMPERCIOCCHE' OV'ARRIVAVANO QUESTI LADRONI TUTTI ERANO ALLO STESSO PASSO; SOLO DIRO' CHE QUESTA PREPOTENTE VIL CIURMA USAVA CONTINUE RUBERIE, IL CHE GIA' FACEVA IN OGNI CITTA' INDISTINTAMENTE, COME PER ESEMPIO ANDAR IN DIVERSI ALL'OSTERIA, E NON PAGAR, RUBAR AI FRUTTAROLI I FRUTTI IN PIAZZA, ANDARSI A FAR PETTINAR, E NON DAR NIENTE, COMPRAR QUALCHE CAPO , E POI INVECE DI DENARO MINACCIAR DELLE BUSSE, E MILLE DI QUESTE VILI AZIONI, E RUBERIE..... COSI' IGNAZIO MENIN PAG. 27 , 28, 29, 30, 31, 1796 - 1797 , BIBLIOTECA CIVICA VERONA, 1997

 

 

SETTEMBRE 1796 GIORNO 11 - ISOLE SPAMPINE' -

 

SAN ZEN SUL MENAGO VIZIN A CA DEL LAGO

http://youtube.com/watch?v=QthBI6ms84s

 

 

EL FRANCO VIZIN SAN ZEN PALO AVE MENAGO

http://youtube.com/watch?v=pjN90rXecxI

 

 

BEVILACQUA CASTEL SUL PALO AVO FRATA

http://youtube.com/watch?v=8nv6sqLc5HA

 


Il 15 ottobre 1796, il generale Napoleone Bonaparte proclamò a Milano la Repubblica Transpadana, una che corrispondeva al vecchio Ducato di Milano.

 

 

SETEMBRE 1796 12 13 14 15 15 BATTAGLIE NELLE ISOLE SPARSE - I FRANCESSI TAGLIANO I CONVOGLI CHE TENTANO DI PORTARE AIUTO A MANTOVA

http://www.youtube.com/watch?v=ss5ujbhoLAc

 

16 otobre 1796

BOLOGNA MODENA FERRARA REGGIO ...LEGATI PONTICI..si donano ai Francesi.

 

La repubblica Cispadana era nata l’anno prima, il 16 ottobre 1796, a Modena, dove si era tenuto il congresso dei rappresentanti delle province di Modena, Bologna, Ferrara e Reggio Emilia, che riunì le quattro città nella Confederazione Cispadana.

 

Il congresso fu organizzato, non ufficialmente, da Napoleone, il cui esercito aveva attraversato l'Italia del nord all'inizio dell'anno e aveva necessità di stabilizzare la situazione in Italia e di riunire nuove truppe per un'offensiva contro l'Austria. In dicembre il congresso proclamò che le quattro province avrebbero formato la "Repubblica Cispadana" e invitò gli altri popoli italiani ad unirsi a loro. Venne anche formata una guardia civica, composta da cacciatori e artiglieri.

 

 

 

Milan e L'emiglia adota la bandiera bianca rosa verde

http://images.google.it/imgres?imgurl=http://numismatica-italiana.lamoneta.it/immagini-categoria/incuso/W-RCB.gif&imgrefurl=http://numismatica-italiana.lamoneta.it/cat/W-RCB&usg=__c3OS-0K16z9uFgd_xYoH79dGkQ4=&h=350&w=258&sz=42&hl=it&start=3&sig2=qZTqsHatthkMJ6LatlIksA&tbnid=f1fUbOJZ-s2yrM:&tbnh=120&tbnw=88&ei=QeqKSbjRBdS0jAfKk72SCA&prev=/images%3Fq%3Dconfederazione%2Bcispadana%26gbv%3D2%26hl%3Dit%26safe%3Dactive

 

DA GIUGNO 1796 A SETEMBRE A NOVEMBRE E A FEBBRAIO 1797, NAPOLEONE DOVRA' TENTAR QUATRO OLTE PAR FAR CASCAR MANTOVA MA GHE RIESE SOLO AL 2 FEBRAR 1797

ttp://www.youtube.com/results?search_query=MANTOVA+san+girgio&search_type=&aq=f

 

ECCO MANTOVA

http://www.youtube.com/results?search_query=MANTOVA+LAGO&search_type=&aq=f

 

 

ECCO MANTOA

http://www.youtube.com/watch?v=cfrWeG8m3oM

 

MAPPA P 7 2 3 7 ISOLA SPARSA MANTO MANTOVA SAN GIORGIO LAGO

 

 

15 16 17 NOVEMBRE 1796 REPUBLICA VENETIA ARCOLE - SULL' ALPONE NON RIESCE APASSARE - LE STAMPE D'EPOCA FA VEDERE CHE I'ERA I FRANCESI TUTI SOTO DE ACUA .

http://www.youtube.com/watch?v=y4BeUSp9Hmo

 

 

ECO COME L'E' ADESO CHEL POSTO LI ARCOLE PONTE SU L'ALPON

http://www.youtube.com/watch?v=S9dYM5opsfk

 

SECONDA PARTE

http://www.youtube.com/watch?v=aXCXB0Q8GGI&feature=related

 

PARTE TERZA

http://www.youtube.com/watch?v=GyYahaVvOjc&feature=related

 

27 dicembre 1796

La prima adozione del tricolore come bandiera nazionale è uno degli atti del Congresso Cispadano, apertosi a Reggio il 27 dicembre 1796. In quell'occasione i rappresentanti del Congresso, decretarono la nascita della Repubblica Cispadana, che comprendeva i territori di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio. L'assemblea si componeva di 110 delegati e di essa venne nominato presidente effettivo il ferrarese Carlo Facci.

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.